Aggregatibacter actinomycetemcomitans

Aggregatibacter actinomycetemcomitans

Nomenclatura

Aggregatibacter actinomycetemcomitans (precedentemente chiamato Actinobacillus actinomycetemcomitans)

Caratteristiche

Anaerobio facoltativo gram-negativo, 7 sierotipi con diversa espressione di leucotossina (sierotipo b particolarmente presente in casi di parodontite aggressiva localizzata)

Patogenicità

Altamente patogeno

Fattori virulenti

leucotossina A

fattore di inibizione della chemiotassi

inibizione dei fibroblasti

tossina responsabile del processo di riassorbimento osseo

collagenasi

endotossina (lipopolisaccaride)

 Occorrenza

In caso di parodontite aggressiva e cronica localizzata. I fattori di virulenza favoriscono la colonizzazione e l'insediamento del batterio nel cavo orofaringeo.

▪     può attivare l'artrite reumatoide

▪     possibile causa dell'endocardite

 Terapia

L'antibiotico consigliato è Amoxicillin. Non può essere eliminato in modo sicuro con le tecniche di scaling e di root planing.

 Bibliografia

Maeda, H., Fujimoto, C., Haruki, Y., Maeda, T., Kokeguchi, S., Petelin, M., Arai, H., Tanimoto, I., Nishimura, F. and Takashiba, S., 2003. Quantitative real-time PCR using TaqMan and SYBR Green for Actinobacillus actinomycetemcomitans, Porphyromonas gingivalis, Prevotella intermedia, tetQ gene and total bacteria. FEMMS Immunol Med Microbiol., 39 (1), 81-86.

Aberg, C.H., Kelk, P. and Johannsson, A., 2015. Aggregatibacter actinomycetemcomitans: virulence of its leukotoxin and association with aggressive periodontitis. Virulence, 6 (3), 188-195.

Malik, R., Changela, R., Krishan, P., Gugnani, S. and Bali, D., 2015. Virulence factors of Aggregatibacter actinomycetemcomitans – A status update. Journal of ICDRO, 7 (2), 137-145.

Filifactor alocis (Fa)

Filifactor alocis (Fa)

Nomenclatura

Filifactor alocis

Caratteristiche

Anaerobio gram-positivo, estremamente difficile da coltivare

Patogenicità

Altamente patogeno

Fattore virulento

15 diverse proteasi, componenti di superficie microbica che riconoscono la matrice adesiva (MSCRAMM), inibitore del complemento Filifactor alocis (FACIN)

Occorrenza

Si riscontra in campioni sottogengivali in casi di parodontite cronica (CP) e parodontite aggressiva generalizzata (GAP) ed è associato alla perdita del tessuto di supporto. Filifactor alocis è la causa dell'infiammazione cronica e induce la produzione di citochine proinfiammatorie che causano l'apoptosi delle cellule epiteliali gengivali. Rispetto ai batteri Pg, Td e Tf, in genere denominati “complesso rosso”, il più associato alla malattia parodontale, il batterio Fa risulta al terzo  posto per prevalenza in un gruppo di pazienti GAP ed al secondo nel gruppo di pazienti con CP. Il Fa si trova prevalentemente nelle regioni del biofilm provenienti dalla parte centrale o addirittura dalla parte apicale della tasca (Schlafer, 2014).

Il Fa è sempre strettamente associato ad altri batteri parodontali, ed ha una relazione simbiotica ad esempio con il batterio Pg, il che può causare un aumento strutturale del biofilm.

Terapia

L'antibiotico consigliato è metronidazolo

Bibliografia

Aruni, A.W., Roy, F. and Fletcher, H.M., 2011. Filifactro alocis Has Virulence Attributes That can Enhance Ist Persistence under Oxidative Stress Conditions and Mediate Invasion of Epithelial Cells by Porphyromonas gingivalis. Infection and Immunity, 79 (10), 3872-3886.

Aruni, W., Chioma, O. and Fletcher, H.M., 2014. Filifactor alocis: The Newly Discovered Kid on the Block with Special Talents. Journal of Dental Research, 93 (8), 725-732.

Schlafer, S., 2014. Filifactor alocis-der noch unterschätze Parodontitis-Keim in der Zahnfleisch-tasche. Zahnmedizin Report, 9:3.
Aruni, W., Mishra, A., Dou, Y., Chioma, O., Hamilton, B.N. and Fletcher, H.M., 2015. Filifactor alocis- a new emerging periodontal pathogen. Microbes and Infection, 17 (7), 517-530.

Jusko, M., Miedzak, B., Ermert,D., Magda, M., King, B.C., Bielecka, E., Riesbeck, K., Eick, S., Potempa, J. and Blom, A.M., 2016. FACIN, a Double-Edged Sword oft he Emerging Periodontal Pathogen Filifactor alocis: A Metabolic Enzyme Moonlighting as a Complement Inhibitor. Journal of Immunology, 197, 3245-3259.

Porphyromonas gingivalis (Pg)

Porphyromonas gingivalis (Pg)

Nomenclatura

Porphyromonas gingivalis

Caratteristiche

Batterio gram-negativo strettamente anaerobio

Pathogenität

Altamente patogeno

Fattore virulento

Proteasi associate alla membrana, responsabili ad esempio della scissione del fibrinogeno, che causa sanguinamento al sondaggio (bleeding on probing, BOP), rilascia emina e ferro e allo stesso tempo favorisce un'ulteriore proliferazione batterica come fonte di nutrimento.

Lipopolisaccaridi, esopolisaccaridi, OMP (proteine ​​esterne della membrana), collagenasi, proteasi simile alla tripsina, gelatinasi, aminopeptidasi.

Occorrenza

Il batterio non appartiene alla normale flora batterica orale; il sistema immunitario non è in grado di combattere completamente un'infezione. Popola il parodonto in modo più uniforme di A. actinomycemtemcomitans, che si presenta in modo localizzato.

Terapia

Generalmente può essere rimosso con il la tecnica di root planing. Se viene rilevato ancora anche dopo questo trattamento, è necessario un ulteriore trattamento con curettage o per via chirurgica. Se i batteri Pg e Aa sono presenti in grandi quantità, oltre ai trattamenti di scaling e root planing è necessaria la somministrazione di antibiotici. L'antibiotico consigliato è metronidazolo oppure ornidazolo + amoxicillina.

Bibliografia

Lyons, S.R., Griffen, A.L. and Leys, E.J., 2000. Quantitative Real-Time PCR for Porphyromonas gingivalis and Total Bacteria. Journal of Clinical Microbiology, 38 (6), 2362-2365.

Mysak, J., Podzimek, S., Sommerova, P., Lyuya-Mi, Y., Bartova, J., Janatova, T., Prochazkova, J. and Duskova, Jana, 2014. Porphyromonas gingivalis: Major Periodontopathic Pathogen Overview. Journal of Immunology Research, ID 476068, 8.

How, K.Y., Song, K.P.and Chan, K.G., 2016. Phorphyromonas gingivalis: An Overview of Periodontopathic Pathogen below the Gum Line. Frontiers in Microbiology, 7 (53).

Prevotella intermedia (Pi)

Prevotella intermedia (Pi)

Nomenclatura

Prevotella intermedia

Caratteristiche

Anaerobio obbligato gram-negativo

Patogenicità

Altamente patogeno

Fattore virulento

Exopolisaccaridi (EPS) Proteasi cisteinica (Interpain A)

Occorrenza

È attestato come uno degli agenti patogeni causa di infezioni dentoalveolari per lo più di tipo misto. Viene indicato anche come batterio marcatore precoce, che crea l'ambiente anaerobico necessario per l'insediamento dei principali batteri parodontali attraverso la metabolizzazione degli zuccheri residui nel solco o nella tasca parodontale in via di formazione. Il batterio Pi utilizza gli ormoni steroidei come fattori di crescita, quindi può verificarsi spesso nelle donne in gravidanza.

Terapia

In caso di presenza significativa di Pi, il batterio non può essere trattato con le tecniche di scaling e root planing. Farmaci a base di nitromidazolo (ad es. metronidazolo) sono gli antibiotici consigliati. In casi isolati si è rilevata la resistenza alla penicillina dovuta alla penicillinasi; a parte questa gli antibiotici β-lattamici attivi contro gli anaerobi (ad es. penicillina G, ampicillina, amoxicillina). Il grado di efficacia della clindamicina (resistenza) e della tetraciclina può variare. Gli aminoglicosidi non sono efficaci.

Bibliografia

Riggio, M.P., Lennon, A. and Roy, K.M., 1998. Detection of Prevotella intermedia in subgingival plaque of adult periodontitis patients by polymerase chain reaction. Journal Periodontal Research, 33 (6), 369-376.

Potempa, M., Potempa, J., Kantyka, T., Nguyen, KA., Wawrzonek, K., Manadhar, S.P., Popadiak, K., Riesbeck, K., Eick, S. and Blom, A.M., 2009. Interpain A, a Cysteine Protease from Prevotella intermedia, Inhibits Complement by Degrading Complement Factor 3. PLoS Pathogens, 5 (2), e1000316.

Yamanaka, T., Yamane, K., Furukawa, T., Matsumoto-Mashimo, C., Sigimori, C., Obata, N., Walker, C.B., Leung, K.P. and Fukushima, H., 2011. Comparision oft he virulence of exopolysaccharide- producing Prevotella intermedia to exopolysaccharide non- producing perodontoipathic organism. BMC Infection Disease, 11, 228-237

Tannerella forsythia (Tf)

Tannerella forsythia (Tf)

Nomenclatura

Tannerella forsythia

Caratteristiche

Batterio gram-negativo strettamente anaerobio

Patogenicità

Altamente patogeno

Fattore virulento

3 enzimi proteolitici: proteasi cisteinica (PrtH), karilysin (con una struttura simile alle metalloproteasi della matrice umana) e mirolase (proteasi serinica attivata dal calcio)

Occorrenza

Caratteristico in caso di gravi difetti ossei. Rinvenuto nei solchi "attivi" in numero significativamente più alto rispetto ai solchi "inattivi". Anche noto in caso di parodontite recidivante. Spesso associato a parodontite resistente alle terapie. Esiste una stretta relazione di concomitanza con Treponema denticola e Porphyromonas gingivalis.

Terapia

Generalmente può essere rimosso con la tecnica di root planing. L’antibiotico consigliato è, se esplicitamente necessario, il metronidazolo o l'ornidazolo, particolarmente nei casi di gravi sintomi infiammatori.

Bibliografia

Sharma, A., 2000. Virulence mechansims of Tannerella forsythia. Periodontology, 54 (1), 106-116.

Saito, D., Coutinho, L.L., Borges Saito, C.P., Tsai, S.M., Höfling, J.F. and Goncalves, R.B., 2009. Real-time polymerase chain reactionquantification of Porphyromonas gingivalis and Tannerella forsythia in primary endodontic infections. Journal of Endodontics, 35 (11), 1518-1524.

Ksiazek, M., Mizgalska, D., Eick, S., Thorgersen, I.B., Enghild, J.J. and Potempa, J. 2015. KLIKK proteases of Tannerella forsythia: putative virulence factors with a unique domain structure. Frontiers in Microbiology, 6, 312.

Treponema denticola (Td)

Treponema denticola (Td)

Nomenclatura

Treponema denticola

Caratteristiche

Spirocheta a forma di bastoncelli corti, batterio gram-negativo strettamente anaerobio

Patogenicità

Altamente patogeno

Fattore virulento

Proteasi che distruggono i tessuti, ialuronidasi, fosfatasi e fosfolipasi. Stimola la formazione di IL1α e TNF- TNFα.

Occorrenza

In relazione con la distruzione parodontale (parodontite avanzata), gengivite / parodontite ulcerativa necrotizzante.

Terapia

È utile come batterio marcatore nella valutazione del successo del trattamento (scaling / root planing) nelle tasche gengivali in forme refrattarie alle terapie. L’antibiotico consigliato è, se esplicitamente necessario, il metronidazolo oppure l’ornidazolo.

Bibliografia

Sela, M.N., 2001. Role of Treponema denticola in periodontal diseases. Crit Rev Oral Biol Med, 12 (5), 399-413.

Asai, Y., Jinno, T., Igarashi, H., Ohyama, Y. and Ogawa, T., 2002. Detection and Quantification of Oral Treponemes in Subgingival Plaque by Real-Time PCR. Journal of Clinical Microbiology, 40 (9), 3334-3340.

Dashper, S.G., Seers, C.A., Tan, K.H. and Reynolds, E.C., 2011. Virulence Factros oft he Oral Spirochete Treponema denticola. Journal Dent. Research, 90 (6), 691-703.

Pandit, N., Gugnani, S., Sushil, D. and Bali, D., 2016. Treponema denticola:
A teammate in periodontal progression. Journal of ICDRO, 8 (1), 58-62.

Zahn Kontakt Sidebar

Service

Ben informati con una consulenza personale!

Chiamateci al n° di telefono +41 32 685 54 62

 

icon

Spedizione gratuita

Approfitti della possibilità di ricevere e rispedire il kit iai gratuitamente da ogni Paese europeo!

icon

Qualità al 100%

Gli esperti di IAI AG lavorano secondo i più elevati standard di sicurezza in un laboratorio moderno e performante.

BSDINFO_HEADLINE

BSDINFO_MESSAGE

BSDINFO_LINKLABEL